ETF - GLI INVESTITORI PRIVATI NON STANNO RECEPENDO IL MESSAGGIO?

22-10-2019

 

La maggior parte delle persone considera l'investimento un argomento scoraggiante, e gli osservatori del mercato danno la colpa a una scadente alfabetizzazione finanziaria per il fatto che così pochi investitori privati utilizzino gli Etf.

Il business degli Etf potrebbe crescere rapidamente: alla fine di agosto le attività globali ammontavano a $ 5,65 trilioni, secondo ETFGI - ma il settore della vendita al dettaglio rappresenta solo il 15% degli investimenti europei, afferma Deborah Fuhr, co-fondatrice della società di ricerca/consulenza. Il gruppo afferma che ci sono 2.351 Etf in Europa con 8.662 prodotti quotati su più mercati. Con così tanti prodotti, perché gli investitori privati sono così riluttanti ad entrare nel mercato?

Uno dei motivi è l'educazione. Questo è un argomento di cui il settore degli Etf si vanta molto, ma che forse non è affrontato nel modo appropriato. “Potremmo fare molto di più come industria. È un argomento che affiora il più delle volte attraverso tutti i canali di comunicazione con gli investitori ", afferma Marcus Miholich, responsabile dei mercati dei capitali per l'Asia-Pacifico, l'Europa, Medio Oriente e Africa presso SPDR Exchange Traded Funds. "Ci viene chiesto molto sulla liquidità in mercati in momenti di stress e quando ha senso utilizzare un Etf. Queste sono tutte aree in cui siamo in grado educare direttamente i clienti, ma non è sempre così facile utilizzando altri canali di comunicazione".

La semplicità, il basso costo e la liquidità degli Etf li rendono una scelta naturale per gli investitori istituzionali, che spesso li usano al posto dei futures. James McManus, capo della ricerca di Nutmeg, afferma: “Stiamo vedendo che soggetti come assicurazioni, hedge funds ed enti di beneficenza si stanno sempre di più rivolgendo agli Etf. Scegliere gli Etf invece dei future, indica che ci sono più fattori che spingono naturalmente gli investitori istituzionali a utilizzare gli Etf ". È ironico che, mentre molte informazioni e educazione è messa a disposizione degli investitori istituzionali, gli investitori privati siano estranei a tutto questo.

Parte del motivo è che gli Etf possono essere strumenti in cui è difficile investire. È un punto su cui anche l’industria degli Etf concorda, considerandolo una delle sue più grandi sfide.

Un tipico investitore privato deciderà come investire andando su una piattaforma o andando da un consulente finanziario indipendente. Molte piattaforme offrono solo pochi Etf, mentre i consulenti spesso non li rendono disponibili come parte di un portafoglio. Miholich afferma: "Le piattaforme continuano ad essere abbastanza lente nell'introdurre gli Etf per noi e gli investitori, ed abbiamo avuto discussioni riguardo alla frustrazione per la mancanza di Etf disponibili su alcune piattaforme”. "La ragione di questa lenta diffusione è apparentemente il risultato di vincoli tecnologici, ma gli Etf sono un semplice prodotto con una struttura di facile utilizzo. A causa del fatto che non sono disponibili su piattaforme che utilizzano i consulenti finanziari indipendenti, c'è un blocco alla larga diffusione nel mercato al dettaglio, in particolare in questo paese [il Regno Unito]. Fino a quando questo non cambierà, la crescita del commercio al dettaglio sarà abbastanza limitata "

Gli Etf sono ancora in concorrenza con fondi gestiti attivamente. McManus spiega: “C'è ancora maggiore afflusso di cassa in strategie gestite attivamente, che sono più facili da commercializzare, perché il denaro è lì. Questo è il caso di molte delle piattaforme di vendita al dettaglio nel Regno Unito. " La situazione si riflette negli elenchi dei principali fondi presenti su molte piattaforme, molte delle quali non dispongono di Etf. In Hargreaves Lansdown’s Wealth 50, una lista dei fondi preferiti dai suoi esperti, ci sono 10 tracker e nessun Etf tra i 58 fondi. Emma Wall, responsabile dell'analisi degli investimenti presso Hargreaves Lansdown, afferma di avere un'architettura aperta e quindi di offrire agli investitori britannici quasi tutti gli Etf sul mercato.

Ma i problemi, tuttavia, sono più profondi dell’istruzione e dell'accesso. Gli Etf hanno guadagnato una cattiva reputazione dopo essere stati accostati a "obbligazioni di debito garantite e altre abbreviazioni di tre lettere, che hanno causato la crisi finanziaria”, afferma Peter Sleep, senior portfolio manager presso Seven Investment Management. “La loro difficoltà ora è talvolta resa più complessa di quanto non debba essere. Personalmente non penso che fare due diligence (n.d.t. attività di investigazione e di approfondimento di dati e di informazioni riguardanti la valutazione di un affare e l’identificazione dei rischi e dei problemi connessi) sugli Etf o fare educazione sugli Etf sia molto difficile. Ai consulenti piace affrontare la difficoltà, ma non la comprano. "

Fuhr aggiunge: “Le persone in generale sono creature abitudinarie e non cambiano. Le discussioni sulla ricchezza e le finanze sono malviste dalle norme sociali, è un argomento spaventoso per molti in quanto non sanno a chi rivolgersi per avere consigli, perciò di conseguenza l'alfabetizzazione finanziaria è bassa. Basterebbe solo iniziare in giovane età. "

Leggi il documento in Pdf

ETF - Gli investitori privati non stanno recependo il messaggio (23.10.2019)



Iscriviti alla newsletter

Vuoi capire come funzionano i mercati finanziari?

Richiedi un contatto

Come possiamo aiutarti? *