Nostro intervento su Plus24 - IlSole24 Ore del 24.02.2018 - Il fardello dei costi sui tuoi investimenti

01-03-2018

 

Di seguito la sintesi del nostro intervento su Plus24 – Il Sole 24Ore di sabato 24 febbraio 2018

 

Lo scopo della direttiva Mfid 2, entrata in vigore a gennaio di quest’anno, è quello di aumentare la tutela per gli investitori: maggiori informazioni, nuovi obblighi per gli intermediari finanziari e in generale una maggiore trasparenza.

Concentriamoci in questa sede sulla maggiore chiarezza in tema di costi dei servizi finanziari.

Proponiamo uno sguardo storico sull’incidenza dei costi nelle diverse tipologie di investimento negli ultimi dieci anni.

 

 

 

Dalla precedente tabella si evince che gli investitori più fortunati, non tanto in termini di rendimento assoluto, ma di quanto si sono “tenuti in tasca al netto dei costi”, sono stati quelli che dieci anni fa hanno comprato Btp, seguiti dagli acquirenti di Cct, di Fondi pensione negoziali, di Azioni mondiali e di Fondi pensione aperti.

Invece i sottoscrittori di Polizze vita e soprattutto di Fondi comuni hanno dovuto subire una decurtazione del rendimento potenziale ottenibile, pari rispettivamente al 42,8% e al 54,8%. Cioè, nel caso dei Fondi comuni, più di metà del risultato evapora a causa dei costi (nelle Polizze vita poco meno della metà).

Dato il peso dei costi non è un caso che proprio le Polizze vita e i Fondi comuni abbiano ottenuto i rendimenti peggiori in assoluto, a confronto con gli altri tipo di investimento.

Benvenuta quindi la Mifid 2.

Tra qualche tempo potremo misurare se la nuova direttiva avrà mantenuto le sue promesse, analizzando gli effetti pratici, e non solo in termini di costi ma, in generale, di maggior tutela dell’investitore.

 

Scarica l'articolo in Pdf

Plus24 - Il Sole24Ore del 24.02.2018 - Pagine 4 e 5

 



Iscriviti alla newsletter

Cerchi consigli utili per i tuoi investimenti?

Richiedi un contatto

Come possiamo aiutarti? *