Ringraziamenti


Nella Sezione “COME LO FACCIAMO” ti abbiamo spiegato le soluzioni che adottiamo e i benefici che l’investitore ottiene. A seconda delle esigenze specifiche del Cliente, abbiamo sempre scelto gli investimenti sia tramite l’Investimento Indicizzato sia tramite il Metodo del Valore (“Value Investing”).


Per approfondimenti sul nostro Metodo visita la pagina Come lo facciamo



RUMORE DI FONDO

Commentatori televisivi, giornalisti finanziari, analisti e strateghi del mercato parlano oltre misura l’uno sull’altro, tutti in gara per accaparrarsi l’attenzione degli investitori. Internet è una meraviglia della moderna informazione, su questo siamo tutti d’accordo, ma ha anche dato libero accesso, o forse dovrei dire che ha messo a disposizione, una piattaforma gratuita a chiunque abbia un’opinione finanziaria: il risultato è che ci troviamo a galleggiare in un’inondazione di indicazioni e consigli
(“Il metodo Warren Buffett” di Robert G. Hagstrom – Hoepli)



L’INVESTIMENTO INDICIZZATO

L’investimento indicizzato ha dimostrato di essere una metodologia di investimento semplice, razionale e con risultati superiori a quelli ottenuti dai classici prodotti bancari e assicurativi. Un investimento costruito in questo modo è, nel tempo, redditizio e poco rischioso. Nel farlo, seguiamo la strada aperta e solcata dai nostri Maestri. Di seguito un doveroso tributo ad essi.

L’INVESTIMENTO NEL VALORE

Il Value Investing ha dimostrato di essere una metodologia di investimento di straordinario successo. Un investimento costruito in questo modo può risultare, nel tempo, assai redditizio per chi è disposto ad assumersi alti rischi e ad avere pazienza. Nel farlo, seguiamo la strada aperta e solcata dai nostri Maestri. Di seguito un doveroso tributo ad essi.


John C. Bogle Investitore, magnate e filantropo


Pubblicazioni fondamentali:

  • “Bogle on Mutual Funds: New Perspectives for the Intelligent Investor” (1993)
  • Common Sense on Mutual Funds: New Imperatives for the Intelligent Investor (John Wiley & Sons, (1999)
  • The Little Book of Common Sense Investing: The Only Way to Guarantee Your Fair Share of Stock Market Returns (2007)

Visione:

- Seleziona fondi a basso costo
- Considera attentamente il costo supplementare della consulenza
- Non sopravvalutare i rendimenti passati dei fondi
- Usa i rendimenti passati per determinare la coerenza e il rischio
- Stai attento alle star (anche nel mondo dei fondi comuni)
- Stai attento alle dimensioni gestite da un fondo
- Non comprare troppi fondi
- Compra il tuo portafoglio di fondi, e mantienilo


William Bernstein Studioso di finanza e neurologo


Pubblicazioni fondamentali:

  • The Intelligent Asset Allocator. How to Build Your Portfolio to Maximize Returns and Minimize Risk ( 2000).The Four Pillars of Investing. Lessons for Building a Winning Portfolio. McGraw-Hill, New York, (2002)
  • The Investor's Manifesto. Preparing for Prosperity, Armageddon, and Everything in Between. (2009)
  • Rational Expectations: Asset Allocation for Investing Adults. (2013)

Visione:

Bernestein è un sostenitore della moderna teoria del portafoglio che si contrappone nettamente alla visione secondo la quale i bravi gestori possano fare meglio del mercato scegliendo particolari investimenti, tramite il market timing (il giusto momento di entrata e uscita dai mercati) o tramite la ricerca di aziende sottostimate dal mercato. Sostiene che la maggior parte del rendimento di un investimento deriva dall’asset allocation (ripartizione percentuale del portafoglio tra diversi tipi di investimento) piuttosto che dalla selezione di particolari investimenti.


Lars Kroijer Imprenditore, scrittore e gestore di hedge fund


Pubblicazioni fondamentali:

  • Money Mavericks: Confessions of a Hedge Fund Manager (2010)
  • Investing Demystified – How to invest without speculation and sleepless nights (2013)

Visione:

Kroijer è un altro sostenitore della moderna teoria del portafoglio che si contrappone nettamente alla visione secondo la quale i bravi gestori possano fare meglio del mercato scegliendo particolari investimenti, tramite il market timing (il giusto momento di entrata e uscita dai mercati) o tramite la ricerca di aziende sottostimate dal mercato. Convinto sostenitore dell’investimento indicizzato, strumento indispensabile per ogni tipo di investimento, compreso quello pensionistico.

Dalla lettera di Warren Buffett agli azionisti di Berkshire Hathaway del 1987:

"Immaginiamo che i prezzi di mercato provengano da un tipo molto accomodante, di nome mr. Market, che si trova ad essere il vostro socio in un'attività non quotata. Giorno dopo giorno, senza mai venir meno alla sua abitudine, mr. Market si presenta da voi fissando un prezzo a cui è disposto a rilevare la vostra quota oppure a vendervi la sua. Anche se l'affare di cui voi due siete proprietari potrà avere caratteristiche economiche stabili, le quotazioni di mr. Market stabili non lo saranno affatto. Triste a dirsi, infatti, il vostro povero socio soffre di incurabili problemi psicologici. A volte si sente euforico e riesce a vedere solo i fattori favorevoli che influenzano la vostra attività. Quando è in quello stato, il prezzo che offre è molto alto perché teme che voi gli strapperete la sua quota, derubandolo di guadagni imminenti. Altre volte è depresso e guardando nel futuro riesce a vedere solo guai per il vostro affare e per il mondo. In questi momenti fisserà dei prezzi molto bassi, terrorizzato dall'idea che voi siate sul punto di rifilargli la vostra quota. Mr. Market ha un'altra gradevole caratteristica: non se la prende se viene ignorato. Se la sua quotazione di oggi non è di vostro interesse, domani ve ne proporrà comunque una nuova. Ogni transazione è a vostra discrezione. Ed è chiaro che, a queste condizioni, quanto più il suo comportamento è maniaco-depressivo, tanto meglio è per voi."


“Prima di lui la professione di analista finanziario non esisteva, e dopo di lui è così che si chiama”
(Adam Smith)

Benjamin Graham Economista e Investitore


Pubblicazioni fondamentali:

  • “Security Analysis” (1934)
  • “The Intelligent Investor” (1949)

Visione:

- Un portafoglio bene assortito e diversificato di azioni ordinarie, sulla base di prezzi ragionevoli, può costituire un investimento solido.
- Un investimento è un’attività che, in seguito a un’analisi approfondita, garantisce ragionevolmente la sicurezza del capitale e un profitto soddisfacente. L’attività speculativa non soddisfa queste condizioni.
- Acquistare le azioni che interessano quando vengono scambiate a prezzi inferiori al loro “valore intrinseco” (margine di sicurezza) Regola n. 1: Non perdere denaro; Regola n. 2: Non dimenticare la prima.
- Il mercato deprezza i titoli di frequente, di solito come risultato di comportamenti emotivi indotti dalla paura e dall’avidità.


“Uno dei più grandi investitori di tutti i tempi”
(Morningstar)

Philip Arthur Fisher Investitore


Pubblicazioni fondamentali:

  • Common Stocks and Uncommon Profits (1960)

Visione:

- La maggior parte degli investitori è restia a dedicare tempo ed energie, che sono invece indispensabili per conoscere e capire fino in fondo un’impresa
- Le aziende migliori non solo posseggono caratteristiche intrinsecamente dipendenti dall’ambito in cui operano ma, cosa altrettanto importante, sono gestite da persone con capacità manageriali superiori
- Preferiva avere quote in poche aziende di prestigio che in molte aziende che rientravano nella media


“Negli investimenti la parte più difficile è il saper aspettare l’occasione giusta”
(Charlie Munger)

Charlie Munger Investitore, Avvocato, Filantropo


Pubblicazioni fondamentali:

  • Poor Charlie’s Almanack: The Wit and Wisdom of Charles T. Munger (2005)

Visione:

- Coltiva interessi in campi molto diversi: scienza, storia, filosofia, psicologia, matematica. Molte di queste conoscenze lo aiutano anche negli investimenti.
- “Le buone imprese sono imprese etiche. Un modello di business che si basa sulla truffa è destinato a fallire”
- “Investite in aziende che anche uno stupido possa guidare, perché un giorno uno stupido lo farà. Se una azienda non è in grado di sostenere un po’ di cattiva gestione, allora non è in un mercato davvero interessante”.
- “La vita riserva colpi terribili e sleali. Alcuni si rialzano e altri no. Credo che l’atteggiamento di Epitteto sia il migliore. Sosteneva che nella vita ogni occasione mancata fosse un’opportunità per imparare qualche cosa, e che il nostro dovere non fosse quello di immergerci nell’autocommiserazione ma di utilizzare i colpi della vita in maniera costruttiva. La trovo una buona idea”.
- Abbiamo idee molto semplici. La gente continua a chiederci cose misteriose, ma tutto quello che utilizziamo sono le idee più elementari.


“Il mercato azionario è semplice. Basta acquistare per una cifra inferiore al loro valore intrinseco quote di una grande azienda gestita da dirigenti integerrimi e capaci, e quindi conservare quelle quote per sempre”
(Warren Buffett)

Warren Buffett Investitore, Filantropo


Pubblicazioni fondamentali:

  • …non ha ancora trovato il tempo (la voglia?) di scrivere un libro sul suo metodo di investimento!

Visione:

- "Wall Street è l’unico luogo in cui chi arriva in Rolls-Royce chiede consiglio a chi arriva in metropolitana”.
- “Ci vogliono vent’anni per costruire una reputazione e cinque minuti per rovinarla. Se pensi a questo, farai le cose in modo diverso”.
- “L’investimento deve essere razionale. Se non lo capite, non lo fate”.
- “Se stai giocando a poker da trenta minuti e non sai chi è il pollo, il pollo sei tu”.
- “Investire è semplice, ma non è facile”.
- “Nel mondo degli affari, lo specchietto retrovisore è sempre più chiaro del parabrezza”.
- “Il rischio nasce dal non sapere cosa stai facendo”.
- “Il prezzo è quello che paghi. Il valore è quello che ottieni”.
- “Cerchi di essere avido quando gli altri sono spaventati, e spaventato quando gli altri sono avidi”.


“Punto 1: La maggior parte della gente dovrebbe evitare di investire in singole azioni.
Punto 2: rileggere il punto1.”
(Joel Greenblatt)
Il suo hedge fund “Gotham Capital” ha ottenuto un rendimento medio del 40% all’anno, dal 1985 al 2006…naturalmente investendo solamente in azioni!

Joel Greenblatt Investitore, Filantropo


Pubblicazioni fondamentali:

  • The Little Book That Beats the Market (2006). “Una delle più chiare ed efficaci guide all’investimento azionario mai pubblicate” (The Wall Street Journal)

Visione:

- “A Wall Street non esiste nessun topolino dei dentini! A Wall Street i soldi non compaiono per magia sotto il cuscino. Non c’è nessuno che vi rimbocchi le coperte, nessuno che si prenda cura di voi, nessuno a cui rivolgervi per un consiglio”.
- “Sebbene nel breve periodo Mr. Market fissi spesso i prezzi delle azioni in base ai propri stati d’animo, sul lungo periodo ne riconosce il valore effettivo”.
- “Il prezzo delle azioni oscilla sensibilmente anche in periodi limitati di tempo, nonostante il valore delle aziende non muti in maniera altrettanto significativa”.
- “La maggior parte delle aziende e degli investitori non riesce a trovare investimenti altamente redditizi. Le società con un’alta redditività sul capitale investito devono quindi essere molto speciali”.
- “La verità è che non avete bisogno di una laurea o di un master per battere il mercato. Conoscere un sacco di formule sofisticate o di termini tecnici finanziari, non fa la differenza”.

Iscriviti alla newsletter

Cerchi consigli utili per i tuoi investimenti?

Richiedi un contatto

Come possiamo aiutarti? *